In un piccolo borgo dell’Abruzzo interno, Capestrano, si svolge una rassegna internazionale di cinema di grande attualità in quanto centrata sulla cultura della terra e sui temi ambientali: è Strano Film Festival e ha da poco lanciato l’Open Call, la “chiamata” per la selezione dei cortometraggi per la quarta edizione che si svolgerà dal 17 al 23 agosto 2020.

Lo scopo principale di Strano Film Festival è quello di valorizzare l’autenticità del territorio abruzzese e rigenerare, attraverso un approccio partecipativo, le comunità che le abitano.

L’idea di rivalutare la cultura della terra, come componente fondamentale del patrimonio culturale, restituendole il valore che merita, è di Gianluca Fratantonio, direttore artistico di Strano Film Festival, che lavora nel campo della valorizzazione del patrimonio storico e artistico sia in Italia sia all’estero:

StranoFF – dichiarano gli organizzatori – crea nuove metodologie di sviluppo delle risorse territoriali e umane. Promuove la cultura e i popoli che la fanno attraverso il cinema. Una ricerca dettata dalla necessità di recuperare l’autenticità e la nozione di valore che sia diverso da quello economico”.

La terra ci dà segnali allarmanti, è ora il tempo di agire

Vogliamo agire adesso – spiegano gli organizzatori di questo festival etico – . Strano film festival 2020, dunque, è dedicato al presente. Cosa possiamo fare adesso? Come possiamo celebrare la terra e da subito rispettarla? Quali pratiche possiamo incoraggiare? Attraverso una modalità ludica e rispettosa del territorio e dei suoi abitanti cerchiamo di affrontare temi urgenti attraverso l’azione”.

L’ORGANIZZAZIONE DEL FESTIVAL

L’organizzazione del Festival è affidata all’associazione culturale Maks di cui fanno parte:

Simonetta Caruso, Presidente di Maks è anche la referente sul territorio che si occupa dell’organizzazione del festival. Vive a Capestrano, è un’imprenditrice innamorata della sua terra e delle persone che la abitano.

Elizabeth Tomasetti  – Consulente artistico e responsabile della Open Call. E’ una visual artist e scenografa di New York originaria della provincia dell’Aquila, ha scelto Capestrano come sua seconda casa.

Gianluca Fratantonio, direttore artistico, ideatore e organizzatore, innamorato anche lui della Valle del Tirino e dell’Abruzzo.

Partner del festival sono Aflam Associazione, Festival Internazionale Cinema Arabo, Marsiglia;  Roffamonamour  Film Festival, Rotterdam, Olanda, Sulmona Film Festival,  Coolidge Corner Theater, Boston U.S.A., Centro Sperimentale di Cinematografia di L’Aquila. Quest’anno l’Ass.ne Cult.le Maks è sostenuta, nella realizzazione di Strano Film Festival, dal Programma Restart del Comune di L’Aquila.

Tutte le altre informazioni sul sito Strano Film Festival

Itinerari e curiosità in Abruzzo, visita la sezione di Abruzzo Travel and Food

Print Friendly, PDF & Email