Chef Zonfa: per ripartire acquistare prodotti locali

SOSTENERE L'ECONOMIA LOCALE A VANTAGGIO DELLA SOSTENIBILITA'

I ristoratori e i produttori locali rischiano il baratro in questa emergenza Coronavirus. Le possibilità per risalire ci sono ma “dovremo ripartire anche in campo agroalimentare dalla nostra prossimità: acquistare prodotti del territorio”, dice all’ANSA lo chef aquilano stellato William Zonfa.

Quello che come Abruzzo Travel and Food sosteniamo da sempre, il nostro faro, la nostra linea di pensiero.

“Acquistare prodotti del territorio mica per nazionalismo, per far ripartire il lavoro locale, le nostre eccellenze, a vantaggio della sostenibilità, dell’inquinamento, della diversità. Cerchiamo di acquistare prodotti del territorio per riappropriarci di un’economia stabile e sostenibile”.

“Insomma, dobbiamo restare umili. Io per esempio oggi a casa mi cucino una coratella, roba dei nostri pastori”, racconta Zonfa.

Lo chef Zonfa: “Fate il pane e la pizza, meglio che andare dallo psicologo”

“Sui social impazzano ricette patriottiche – prosegue lo chef Zonfa – , impasti di pane e pizza. Sono convinto che dietro questo vi sia stato anche un po’ di spreco ma perdonato, data la situazione. Meglio che usufruire un domani dello psicologo. Noi ristoratori facciamo parte di una categoria che non riaprirà subito ma che vi sarà vicina nel darvi ricette e consigli, così come stiamo facendo sui nostri canali social”.

A L’Aquila il 6 aprile 2009 c’è stato l’undicesimo anniversario del terremoto. “Ora che stavamo ricominciando ad avere un po’ di turismo è arrivato il Coronavirus. Sono convinto che gli aquilani sapranno superare questa ‘seconda botta’ perché hanno già vissuto il terremoto”, conclude lo chef Zonfa.

L’articolo sull’ANSA

Print Friendly, PDF & Email