Su legni antichi della conca aquilana e foglia d'oro

Incendi L'Aquila, l'opera d'arte dedicata a chi era in prima linea
Incendi L'Aquila, l'opera d'arte dedicata a chi era in prima linea è stata realizzata da Davide Figurelli

Si chiama “Resilience”: è l’opera dell’emergente artista aquilano Davide Figurelli nata nei giorni degli incendi dolosi che hanno distrutto centinaia di ettari di bosco attorno a L’Aquila.

Resilience è un inno ai boschi, agli alberi, a chi li protegge, ed alla resilienza aquilana ed umana”, dichiara Davide Figurelli. L’artista con questo suo lavoro vuole dare il suo personale tributo a chi si è adoperato con tutte le sue forze per arginare il fronte di fuoco che ha minacciato la città.

Nulla è casuale o almeno i particolari sono ricchi di spunti e coincidenze. L’opera è realizzata interamente a mano su legni antichi di centinaia d’anni, provenienti da alberi di pioppo cresciuti nella conca aquilana, e rimodellati nello stesso territorio natale, dove l’autore ha voluto valorizzare le essenze utilizzate.

L’intento è quello di portare a riflettere sull’importanza delle zone boschive che coprono una vastissima porzione del nostro territorio, nonché la necessità di impiegare maggiori energie per prevenire tali eventi.

Incendi L’Aquila, il messaggio dell’artista

Un pensiero particolare è rivolto al corpo dei Vigili del Fuoco, eroi che hanno già un legame fortissimo con il territorio aquilano dal terremoto del 2009”, prosegue Figurelli. “A tutti loro è dedicata, come una medaglia al valore, la linea in foglia d’oro sul dipinto materico che è parte dell’opera. Installato al contrario sulla cornice dorata in stile settecentesco, il pannello in legno dipinto va così a valorizzare la parte meno considerata dell’oggetto. Il retro, dove possiamo ammirare l’antica essenza utilizzata, incornicia adesso un’opera a sua volta.

Esso acquista così valore e visibilità, rendendo Resilience un lavoro da ammirare a 360 gradi.

Il fronte della cornice, invece, dorato in foglia d’oro 23 kt & ¾, è violentato da schizzi di vernice rossa e gialla, a rappresentare le fiamme che hanno invaso prepotentemente i boschi del nostro territorio.

All’interno dei fregi dorati, vediamo ancora legno, a riportare, ancora una volta, l’attenzione sull’essenza lignea e la sua storia”.

Per la visione dell’artista aquilano, le piante e gli alberi ardono come a chiedere più rispetto e considerazione da parte di noi umani.

Abbiamo intervistato Davide Figurelli pochi giorni fa nel suo laboratorio a Stiffe (LEGGI). Nato a L’Aquila nel 1985, intaglia il legno per passione da ormai più di quindici anni. È stato allievo del maestro restauratore e doratore Amedeo Cicchitti, dal quale ha appreso molte preziose tecniche riguardanti l’intaglio del legno e la realizzazione e il restauro di dorature in foglia d’oro.

Print Friendly, PDF & Email