Un fantastico paesaggio vissuto con il turismo lento

Foliage d'autunno sulla transiberiana d'Italia
Una foto dal finestrino della Transiberiana d'Italia

In questa meravigliosa stagione si può restare per ore incantati a guardare il foliage d’autunno tra Abruzzo e Molise: ma tutto questo ha un fascino unico visto attraverso il finestrino di un treno storico, la Transiberiana d’Italia, la Sulmona-Isernia, la ferrovia più alta dell’Appennino che è tornata a percorrere questi luoghi dal 2014.

A bordo della Transiberiana d’Italia potete partire quindi da Sulmona, viaggiando sulle panche di legno originali delle carrozze d’epoca, costruite tra il 1920 e il 1930, che hanno un fascino irresistibile e vintage. In un viaggio lento ed ecologico che permette di portare a bordo le biciclette. Si potrà così scendere ed andare alla scoperta di borghi bellissimi, natura incontaminata, tradizioni e folclore, sapori e cibi genuini: olio, noci, formaggi, salumi e tanto altro. Il 10 ottobre scorso, ad esempio, tappa speciale è stato il borgo di Castel del Giudice in Molise per la Festa della Mela.

Transiberiana d'Italia, foto dal sito web latransiberianaditalia.com
Si torna a viaggiare sulla Transiberiana d’Italia, foto dal sito web latransiberianaditalia.com

Un’altra particolarità? Si passa per il gioiello di Pescocostanzo, in Abruzzo, la stazione più alta dell’Appennino (a 1268 metri) e la seconda più alta in Italia dopo quella del Brennero.

Il viaggio viene garantito con il rispetto della sicurezza e delle norme anti-Covid: disponibilità del 50% dei posti, entrate ed uscite separate. Per informazioni e prenotazioni potete contattare il sito www.latransiberianaditalia.com oppure telefonare allo
0872222199.

Ogni stagione, sulla Transiberiana d’Italia, ha il suo fascino. Le nostre preferite, però, sono quella autunnale – proprio per i colori del foliage d’autunno – e l’inverno, soprattutto quando la stagione, per fare tappa nei mercatini di Natale, consente di attraversare un paesaggio innevato che incanta grandi e piccini.

 

Enrica Di Battista

Print Friendly, PDF & Email