Addio a Laga, il “cane eroe” di Amatrice

E’ morta dopo una lunga malattia Laga, splendido esemplare di pastore tedesco, che nel terremoto di Amatrice del 24 agosto 2016 aiutò il padrone, Carlo Grossi, a individuare i corpi dei figli, Anna di 21 anni e Franco di 23 anni, rimasti sepolti sotto le macerie.

Aveva scavato, trovando poi altri morti e superstiti, sempre insieme al suo compagno, infermiere del 118 e conduttore dell’unità cinofila nell’associazione nazionale Carabinieri.

Amatrice piange Laga, il cane eroe del terremoto

Dopo il terremoto di Amatrice Grossi raccontò il momento del drammatico ritrovamento dei corpi dei figli: “Laga abbaiava e scavava, poi ha cominciato a piangere. Il primo corpo che ho trovato, dopo aver soccorso mia moglie ferita, è stato quello di mia figlia Anna, ho visto la sua treccia.

Poi abbiamo continuato e ho visto una gamba, quella di Franco. Era nella posizione abituale, a pancia in giù, con le braccia aperte, aggrappato al materasso”.

Della casa dove vivevano, ad Amatrice, non è rimasto nulla, si era ridotta a un cumulo di macerie. “Anna e Franco – disse il soccorritore – non si sono accorti di nulla, il terremoto me li ha portati via nel sonno e non ho potuto fare niente per loro”.

La notizia della morte di Laga l’ha data lo stesso Carlo in un post su Facebook datato l’11 gennaio 2019. “Ciao Laga. ‘Un addio. È tramontato il sogno. Chiudo l’orizzonte. Ti bacio. E vado via”, ha scritto.

[print-me target=”div#id_of_element_to_print” title=”Print Form”]

Print Friendly, PDF & Email